Stampa questa pagina  Segnala questa pagina

Come richiedere il Bonus Gas per condomini con riscaldamento centralizzato?


Settembre 2017  -  Utilità

 

Chiariamo alcuni dubbi del nostro lettore Guido Rossi, in merito al Bonus Gas per condomini con riscaldamento centralizzato. Vediamo quindi nel dettaglio chi ne ha diritto, come si calcola, le modalità di richiesta e ricezione, e come si verifica la concessione.

 

Chi ne ha diritto?
La compensazione è riconosciuta sia ai clienti che hanno stipulato un contratto di fornitura individuale (clienti domestici diretti), sia ai clienti che utilizzano impianti condominiali (clienti domestici indiretti). Nel caso del Sig. Rossi, siamo nella casistica dei clienti indiretti che non sono direttamente titolari di un contratto di fornitura di gas naturale per l'abitazione di residenza ma utilizzano per i propri usi domestici un impianto a gas naturale di tipo condominiale (fornitura centralizzata).

Bonus Gas per condomini

In tale caso il richiedente il bonus non deve essere necessariamente l'intestatario della fornitura centralizzata. Il titolare del contratto della fornitura centralizzata può essere infatti sia una persona fisica sia una persona giuridica (il condominio). In quest’ultimo caso il bonus gas potrà essere quindi richiesto dai singoli condomini che risiedono in condomini con uso gas centralizzato. Precisiamo infine che il bonus gas non può essere richiesto nei casi in cui la fornitura alimenti le aree comuni di un condominio.


Come viene calcolato l’importo del bonus gas?
Ogni anno l’Autorità che regolamenta il mercato (AEEGSI) aggiorna il bonus entro il 31 dicembre dell'anno precedente. Il valore di questo bonus si differenzia: in base alla tipologia di utilizzo del gas, solo cottura e acqua calda o anche riscaldamento; in funzione del numero di componenti della famiglia anagrafica (persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi la medesima residenza) e a seconda della zona climatica di residenza. Per maggiori dettagli sul calcolo del bonus, consigliamo di visitare questa sezione del sito dell’AEEGSI.

Come richiedere il bonus gas?
Per richiederlo è necessario compilare gli appositi moduli e consegnarli al proprio comune di residenza o CAF. I moduli sono reperibili sia presso il proprio Comune di residenza sia online sul sito SGAte (il sistema informativo attraverso il quale vengono gestite le operazioni e verificati i requisiti per l'erogazione del bonus) oppure sul sito dell’AEEGSI.


Come verificare lo stato di avanzamento della domanda?
Per verificare lo stato di avanzamento del processo di valutazione della richiesta del bonus è possibile rivolgersi direttamente agli enti dove è stata presentata (siano questi costituiti dal proprio comune di residenza, dal CAF o dalla Comunità Montana) oppure contattare il numero verde dedicato 800.166.654, comunicando il proprio codice fiscale ed il numero identificativo della propria richiesta.
Infine, l’Anci, ha predisposto un sezione riservata "Controlla on line la tua pratica" sul sito www.bonusenergia.anci.it alla quale accedere tramite codice fiscale e credenziali di accesso delle quali chiedere il rilascio presso CAF o Comune ai quali ci si è rivolti per la presentazione della richiesta.

 

Come si verifica che il bonus sia stato effettivamente concesso e venga corrisposto?
Anche in questo caso le modalità di verifica si differenziano in base alla tipologia di cliente: per i diretti nella bolletta viene inserito un messaggio che conferma chiaramente la concessione e l’importo è verificabile nella sezione "totale servizi di rete - quota fissa"; nel caso invece dei clienti indiretti, come il Sig. Rossi, un’apposita comunicazione SGAte conferma ai richiedenti l’accettazione della domanda, con indicazione della data a partire dalla quale il bonus potrà essere riscosso.

Come viene corrisposto il bonus?
Le modalità di erogazione si differenziano in base alla tipologia di impianto. Nel caso di un impianto individuale e quindi di un cliente diretto, il bonus viene suddiviso nelle bollette relative ai dodici mesi successivi alla presentazione dell’istanza. Nel caso invece di un impianto centralizzato, e quindi di un cliente indiretto come il Sig. Rossi, il bonus viene corrisposto tramite un bonifico domiciliato erogato in un’unica soluzione.
In quest’ultimo caso, il titolare del bonus dovrà recarsi presso un ufficio postale con il proprio documento di identità e codice fiscale per poter richiedere il ritiro della somma di denaro a cui ha diritto.

Per maggiori approfondimenti, suggeriamo di visitare la sezione "Bonus gas" del sito dell’AEEGSI cliccando qui.

Infine se sei amministratore di condominio o se desideri comparare la nostra proposta commerciale con quella attualmente selezionata dalla tua amministrazione condominiale contattaci. Ti fisseremo un appuntamento con il nostro referente commerciale della tua zona per un preventivo gratuito e senza impegno.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Invialo ai tuoi contatti Segnala questa pagina

 

e condividilo attraverso i nostri social

 

 

 

Inviaci un commento

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:



«Torna indietro

NEWSLETTER

Ogni mese novitą e approfondimenti utili sul mercato e su Utilitą

SERVIZIO CLIENTI

Un numero gratuito per assistenza sui servizi online, chiarimenti amministrativi e informazioni commerciali dedicate a Clienti, fornitori, partner e alle aziende interessate a diventarlo.
800 94 39 39
(da lunedì a venerdì,dalle 8 alle 20)

Se non sei ancora nostro Cliente scopri i prodotti e servizi di Utilità >

FORNITORE UNICO

Scegli Utilità per la tua fornitura di elettricità e gas.
Scopri l'offerta elettricità >
Scopri l´offerta gas >

CONVENZIONI

PARTNER

Utilità vuole potenziare la propria struttura commerciale.
Per saperne di più clicca qui >

NEWS CORRELATE

A fondo pagina trovi gli altri articoli correlati pił letti.
 
 

Bookmark and Share